Io e tu

renga
ascolta la canzone di Francesco Renga https://www.youtube.com/watch?v=ggwElE4rlzk

*di Luigi Cioni*
Andiamo al’inizio della storia dell’umanità: “Non è bene che l’uomo sia solo; gli voglio fare un aiuto ce gli corrisponda!” (Gen 2,18)

Ma che cosa vuol dire che gli corrisponda? Che sia uguale a Lui? O “Simile” come diceva la vecchia traduzione della Bibbia? Due esseri i cui profili si possono sovrapporre senza sbavature o diversità?

Il testo originale dice – addirittura – “un aiuto opposto a lui”; espressione che sembra una aperta contraddizione!! L’uomo “Adam” guarda a tutti gli animali creati da Dio proprio per lui, ma non trova un essere di suo gusto. Dopo la creazione della donna invece esclama: “Finalmente; questa sì che mi piace! A lei non devo dare il nome (come un padrone), perché Dio stesso le conferirà il titolo di progenitrice; a lei non devo comandare perché è dalla mia costola, dalla mia cassa toracica, dalla prossimità del mio cuore, dalla ‘casa’ dei miei organi vitali. Con lei posso costruire uno scambio, una relazione, una casa.

fumetto-luigi-cioniDove io ho dei vuoti, lei li colmerà, dove io ho delle risorse riuscirò a colmare le sue mancanze. Così saremo “corrisposti”, complementari!

Sì, la riconosco!

Sì, tra le sue braccia posso abitare!

Sì la sua spalla sarà il luogo del riposo della sua guancia, del dono della mia apertura !”

Una lunga presentazione biblica per vedere il piano di Dio non solo sulla coppia matrimoniale,ma su tutte le relazioni; non fondata sull’uguaglianza, ma su riconoscimento dei punti di forza (o sulle mancanze) comuni, ma sull’altro come “diverso”, come risorsa, come nuovo che irrompe nella nostra vita.

Un filosofo del ‘900, E. Levinas, dice che basta guardare al volto dell’altro per riconoscere che io non sarò mai capace di comprenderlo, possederlo totalmente. Per cui, il volto dell’altro, in maniera immediata, mi dice “Tu non mi ucciderai! Altrimenti tutto quello che potrei portare nella tua vita, e che solo io possiedo, come essere unico ed irripetibile, tu lo perderai!”

le-sante-dello-scandalo-cinque-donne-raccontate-da-erri-de-luca
Lo so che tutti consigliano libri da leggere, ma questo è davvero bello e anche molto breve: Le sante dello scandalo, di Erri De Luca

Io e Tu, una logica che non si trova nell’uguale e nel diverso, ma sulla consapevolezza che tutti sono “diversi”, immediatamente ed irrimediabilmente, ma proprio per questo capaci di infinità ricchezza. Un IO e un Tu che diventeranno NOI; una realtà ben più ricca della somma dei singoli.

E tutto questo, come già detto, non solo nella relazione matrimoniale, ma in ogni relazione. Anzi vorrei dire nella “semplice” amicizia c’è, o ci può essere, qualcosa di più: la mancanza di responsabilità. Nessuno è più dell’altro, nessuno ha compiti precipui di educazione. C’è quel dono di cui abbiamo già parlato, che si fonda proprio sulla volontà pura di amore e, come abbiamo visto, nel disegno originario di Dio.

Aahh; una piccola cosa ancora: come abbiamo già meditato, se tutto questo è cristiano, lo è proprio in quanto “autenticamente umano” (cfr Gaudium et spes, 1).

il-cielo-sopra-berlinoUn film molto complesso, ma straordinariamente efficace: Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders (clicca sulla foto per vedere il trailer), narra la storia di un angelo che decide di diventare umano per amore di una donna (banalizzato fortemente da un remake intitolato City of angel di Brad Silberling. Per un film più semplice forse è migliore Noi siamo infinito  di Steven Chbonsky

Donare o fare un regalo?

organ-donation1*di Luigi Cioni*
E’ il compleanno di Marco e Anna è alle prese con il problema del regalo (i nomi sono ovviamente inventati). La loro è una relazione complicata, per adesso sono amici, molto amici e anche se non escludono che il tutto si possa evolvere in maggiore intimità nessuno dei due vuole forzare la situazione. Il tempo mostrerà ciò che potrà nascere. Nel frattempo però il nodo non si scioglie. Come mostrare tutto questo in un dono di Continua a leggere “Donare o fare un regalo?”

Il rito e la vita

Sentieri N5_High_Affiancate_Pagina_10_Immagine_0003
Ci vogliono i riti. Che cos’è un rito? È quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un’ora dalle altre ore.

*di Luigi Cioni*
Se tu vuoi un amico, addomesticami!» «Che bisogna fare?», domandò il piccolo principe. «Bisogna essere molto pazienti», rispose la volpe. «In principio tu ti siederai un po’ lontano da me, così, nell’erba. Io ti guarderò con la coda dell’occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po’ più vicino…» Il piccolo principe ritornò l’indomani. «Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora», disse la volpe. «Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò a essere felice. Col passare dell’ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e a inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora

Sentieri N5_High_Affiancate_Pagina_11_Immagine_0003
Anche ritrovarsi insieme con la famiglia è un rito

prepararmi il cuore… Ci vogliono i riti.» «Che cos’è un rito?», disse il piccolo principe. «Anche questa è una cosa da tempo dimenticata», disse la volpe. «È quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un’ora dalle altre ore. C’è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza.» Così il piccolo principe addomesticò la volpe. (Ascolta e guarda il piccolo principe letto da attori famosi https://www.youtube.com/watch?v=BHnh_w4vlwU)
Ho lasciato molto spazio al testo famosissimo dell’incontro tra il Piccolo principe e la volpe; un testo che ha cresciuto schiere di adolescenti e anche di adulti, alla ricerca di una rapporto tra esseri umani che andasse oltre il formale “Ciao, come stai?” “Bene- Grazie”. Ma mentre è frequente la riflessione sulla frase culmine del testo: “Non si vede bene che col cuore; l’essenziale è invisibile agli occhi”, pochi riflettono sul fatto che, per raggiungere  “l’addomesticamento” il testo traccia anche una via, indica una strada: la strada del rito.
Tranquilli, non tesserò qui l’elogio della ritualità, fino ad arrivare alla necessità di partecipare o far partecipare alla Messa; sto parlando del rito come di una necessità umana, antropologica, come lo stesso testo di Saint’Exupery sembra significare. Il rito è ciò che costituisce la trama delle nostra vita, della nostra quotidianità, dei nostri rapporti e relazioni; è la cornice dentro alla quale si inseriscono le nostre scelte, ciò che ci permette di comprendere e decidere, in autonomia e in piena libertà, che cosa posso e voglio fare. Oserei dire: ciò che determina il valore di ogni istante! Se guardiamo anche a tutto ciò che ci circonda: come posso comprendere il valore dei segni? Se parlo di politica il rosso indica una scelta politica; se parlo di codice della strada lo stesso rosso significa “fermati”, a Natale siamo pieni di cose rosse; in medicina spesso assume il senso del pericolo. Eppure è sempre lo stesso colore! E’ il contesto che ci fa capire; è il suo rapporto con le altre cose, e questo deve essere certamente convenzionale e geograficamente e storicamente determinato, ma non può essere sottovalutato o ignorato. Nell’esempio della volpe il rito spiega benissimo in che modo la determinazione rituale degli eventi ha a che fare con la nostra felicità stessa: i riti servono a “prepararsi il cuore”. Senza di loro tutto sarebbe uguale, tutto sarebbe insignificante, perderemmo molto della densità della realtà e di tutta la nostra vita.

Sentieri N5_High_Affiancate_Pagina_10_Immagine_0002
Il rito è la cornice dentro la quale si inseriscono le nostre scelte

Tutti sappiamo benissimo, soprattutto noi un po’ avanti con l’età, di quanta ritualità abbia bisogno la nostra esistenza; dagli orari prefissati e certe disposizioni di oggetti quotidiani; dalla mattina alla sera tutta la nostra giornata è incorniciata da riti di cui non percepiamo più nemmeno forse la consistenza, ma la cui assenza ci turberebbe alquanto. Ma allora perché non godere appieno della loro presenza? Non squalificandoli come tradizioni inessenziali, o futili abitudini, ma assumendoli proprio in quanto capaci di rendere significativa ogni cosa. Se incontriamo la persona di cui siamo innamorati sempre alla stessa ora, quel rito determinerà tutta la nostra giornata e la nostra vita. E non esisterà filosofia al mondo capace di farci desistere da quell’appuntamento. Non lo tratteremo certo da tradizione inutile.
Certo non tutte le ritualità sono così; si tratta di capire davvero quali “riti” danno valore al mio esistere e quali invece costituiscono degli orpelli e impedimento a ciò che io, crescendo, migliorando, avanzando nelle mie riflessioni vorrò essere e vorrò realizzare. Qui sta allora la nostra possibilità di intervento, non nel qualificare ogni ritualità come futile o insignificante, ma nel verificare quale ritualità sia futile e insignificante, sapendo invece che il rito, nella nostra quotidianità può e deve avere un posto di prima importanza perché ogni evento assuma senso e significato.

Aaah, a proposito: ciò che fa le ore diverse dalle altre ore, che fa essere un giorno diverso dagli altri, la festa dalla ferialità, la domenica dagli altri giorni, nella mia vita è proprio la Messa.
Nella vita di ogni giorno ci siamo abituati a sentir usare la parola Rito in senso dispregiativo, come una tradizione inutile, un orpello disdicevole rispetto a tutte le cose dotate di sostanza che invece debbono riempire la nostra quotidianità di significato e di senso. Questo ci porta a opporre rito e significato come se una cosa escludesse l’altra o addirittura fossero due realtà inconciliabili. Io credo che non sia così; credo anzi che senza la ritualità non si dia significato, non sia dia a nessuna cosa l’importanza che gli è dovuta, non di possa distinguere ciò che ha senso, da ciò che invece non porta nessun significato. Si tratta allora di decidere ciò che è cattivo rito, nel senso di abitudine fine a se stessa, a cui diamo spazio solo per non pensare, e ciò che invece struttura la nostra giornata determinando il valore delle cose e dei nostri gesti.

Se vogliamo ascoltare le domande consuete del nostro esistere da parte di una persona che si è sempre posta tanti interrogativi e li ha manifestati in musica possiamo ascoltare Francesco Guccini (ebbene sì, ancora lui; ognuno ha i suoi punti di riferimento): La canzone delle domande consuete https://www.youtube.com/watch?v=6u7n05gOgbA

Guarda il video di Luigi

La notte oscura dell’anima

maxresdefault

 

La notte dell’anima, il buio dei sensi; un momento difficile, triste, in cui tutti i sensi sembrano aver perso la loro efficacia, quando tutto ciò che l’animo sente, entusiasmo, felicità serenità e appagamento, sembra scomparso, quando Dio tace e non ci concede più nemmeno la gioia di amarlo.

Abbiamo già accennato su queste pagine alla notte dell’anima, un momento difficile, triste, in cui tutti i sensi sembrano aver perso la loro efficacia, quando tutto ciò che l’animo sente, entusiasmo, felicità serenità e appagamento, sembra scomparso, quando Dio tace e non ci concede più nemmeno la gioia di amarlo.

Eppure l’amore in noi è forte e potente, la fede cresce, ci dice la strada e ci guida nel cammino, allora perché Dio tace? Perché non sento più nulla? Perché il mio cuore è così freddo?

fuga1E’ un’esperienza che tutti hanno provato prima o poi,  a tal punto che è stata oggetto di innumerevoli canzoni o film, diversa dallo scoramento e dalla sfiducia, diversa dal dubbio e dalla disperazione; eppure così difficile da superare, perché investe il nostro Io lasciandolo solo e sfibrato. E’ la situazione in cui la fede è messa alla prova, il momento in cui Dio non vuole essere confuso con niente altro, nemmeno con le sensazioni e le gioie che lui stesso concede. Quante volte ci sbagliamo e mettiamo al posto di Dio altre cose! Non voglio nemmeno dire i piaceri e gli onori effimeri, ma anche il nostro io e la nostra idea di Dio. Anche questa è idolatria, ci dice costantemente la Bibbia!

E la notte ci riporta sulla giusta strada, ci fa reclinare il capo, ci fa ascoltare il silenzio, ci fa guardare alle nostre dimensioni riportandole alla realtà, negandoci una troppo alta idea di noi stessi.

Un quadro del 1600 mi sembra possa aiutarci in questa riflessione: la Fuga in Egitto di Adam Elsheimer. E’ un quadro famosissimo, dipinto su rame, considerato uno dei primi esempi di pittura che guarda al cosmo e al creato come una realtà autonoma, a tal punto che ha dipinto il cielo in maniera astronomicamente precisa. Ma ciò che interessa a noi sta nel suo contenuto più esplicito: Gesù e la sua famiglia stanno vivendo un momento difficile, Re Erode li sta minacciando, sono costretti ad una esistenza nomade e profuga, fuggono dalla persecuzione e dalla morte certa che ha già colpito innumerevoli innocenti. Eppure in questo quadro si esprime una atmosfera pacifica, serena, tranquilla; la notte illuminata dalle stelle avvolge la sacra famiglia e sembra cullarla nell’oscurità. La notte è, al tempo stesso, condizione di difficoltà, ma anche nascondiglio, rifugio, tranquillità e pace.

San Giovanni della Croce, che su questa argomento ci ha lasciato pagine stupende, ci parla della notte come tenebra luminosa, un ossimoro che ci suggerisce, più che descrivere, l’atteggiamento giusto di chi sa che nella difficoltà, nel silenzio di Dio, e della propria sensibilità, l’unica strada percorribile è quella di immergerci nella notte per trovare, proprio lì, la risposta, la fonte, l’origine e la spinta per andare oltre, e vivere la fede nuda, la fede di chi non vuole facili consolazioni, di chi affronta la vita non come una favola illusoria, ma come il vero cammino di Dio.

La_notte_(1960)_AntonioniEsiste un film, molto famoso, “La notte” di M. Antonioni (1960) che pur essendo un po’ complesso ci potrebbe aiutare a riflettere: la notte può essere anche un luogo nascosto in cui immergerci per cercare piaceri e gioie illusorie. Nella prospettiva esclusivamente atea del regista, la conclusione è devastante e pessimistica. La strada da percorrere è totalmente diversa: non all’esterno, ma all’interno di sé, alla ricerca non del proprio io, ma della guida di Dio.

ASCOLTA

www.youtube.com/watch?v=MclLF473XtA e

www.youtube.com/watch?v=NVKFl2tL2qw

leggi la preghiera di san Giovanni della Croce https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=479195585533768&id=263069200479742&fref=nf

Luigi Cioni

Luigi Cioni ci spiega il suo articolo

giugno 2016

 

La ricerca di sé

di Luigi Cioni*

www.youtube.com/watch?v=m_MwzTC1aPg

La ricerca di sé o la ricerca di Dio all’interno di noi; la ricerca delle nostra o della sua volontà; una ricerca autonoma e privata oppure simile a quella di ogni uomo, giovane o vecchio; Ulisse che cerca Itaca anche se pietrosa e arida. “Se tu guardi un monte che hai di faccia senti che ti sospinge a un altro monte, 
un’isola col mare che l’abbraccia ti chiama a un’altra isola di fronte”.  Ricerca infinita alla luce della fede oppure fede cieca che ci spinge alla ricerca di Dio e fare in mondo che i suoi sì ed i suoi no diventino anche i nostri. Io credo un dilemma sempre vivo.
Esiste una frase ricorrente, una risposta con cui spesso chi non crede apostrofa noi “credenti”: “Buon per te che hai la fede! Tu non hai dubbi!

A parte il fatto che , in sé, non avere dubbi significa essere morti, intellettualmente e spiritualmente, questa frase denota un chiaro fraintendimento della esperienza interiore di chi vive la “difficile ricerca del credente”.

Una ricerca che forse , o almeno non sempre, non si configura come una ricerca all’esterno di sé, di proposizioni su cui fondare una visione intellettuale dell’esistere, ma è invece una perseverante, continua, infinita, esplorazione all’interno di sé, tesa a comprendere chi siamo, che cosa il Signore vuole da noi, come poter realizzare la nostra vita, in dialogo con Dio e con i fratelli.

Una ricerca che spesso contraddice le nostre stesse aspettative, perlomeno quelle immediate e più apparenti, e ci porta su strade sconosciute, in una errabonda odissea. (Ulisse è marinaio o contadino?)

belloUna ricerca che ci pone di fronte isole da esplorare e sempre nuovi mari da attraversare, per arrivare all’isola successiva.

Una ricerca che mette a confronto ciò che ci aspettiamo da noi stessi, ciò che gli altri credono di noi, e ciò che noi riusciamo, via via, a scoprire della chiamata di Dio.

E tutto questo in una dinamica incessante, del tutto simile a quel percorso che anche chi non ha una posizione definita rispetto alla fede, è necessitato a fare.

Certo, per chi crede, si tratta di un percorso di fede, alla luce della Grazia di Dio e della vita della comunità dei fratelli.

In compagni del proprio gruppo, della vita di comunità, dell’animatore, del Padre spirituale, del parroco… ma chi può dire di avere tutto questo? A chi è mai successo, nella propria esistenza, di vivere tutto secondo i dettami dell’intelletto?

La ricerca inesausta di chi siamo, di ciò che Dio vuole da noi, e che noi crediamo sia anche ciò che ci rende veramente uomini, è dura, difficile, irta di tentativi ed errori, in definitiva sempre solitaria e spesso sconfortante; a volte contro Dio stesso (“contro gli dei e contro la paura”), in un mare pieno di false rotte e leggende fuorvianti.

bello2Eppure il guardare al Signore e cercare di accordare i nostri sì ed i nostri no ai sì e a i no di Dio ci distrugge e ci esalta, ci rende il cammino impervio, ma ricco di isole incantate, amori divini, porti sempre nuovi, anche se i Lestrigoni e i ciclopi sono spesso nel tuo cuore.

E questo fino ad Itaca , sempre intravista e sempre sfuggente, sempre promessa e sognata, anche se apparentemente è solo una piccola isola pietrosa. Eppure tu sai che senza di lei, mai ti saresti  messo in viaggio e ormai, esperto più di tutti i tuoi compagni, sai che cosa Itaca significhi.

Tutto questo ci mette al riparo dalla sofferenza, dal dubbio, dal buio? Certamente no! Ma di questo, della notte dell’anima, parleremo la prossima volta.

 

 

bello3BUON PER TE CHE HAI LA FEDE
Una riflessione particolarmente attenta su questo aspet-to è stata rivolta a tutti noi come augurio pasquale da un non-credente molto particolare, attento a tutte le di-mensioni spirituali dell’animo umano:
Pasqua è voce del verbo ebraico che significa “passare”. Non è festa per residenti ma per coloro che sono migra-tori che si affrettano al viaggio.
Da non credente vedo le persone di fede così, non im-piantate in un centro della loro certezza ma continua-mente in movimento sulle piste. Chi crede è in cerca di un rinnovo quotidiano dell’energia di credere, scruta perciò ogni segno di presenza. Chi crede, insegue, per-seguita il creatore costringendolo a manifestarsi. Per-ciò vedo chi crede come uno che sta sempre su un suo “passaggio”. Mentre con generosità si attribuisce al non credente un suo cammino di ricerca, è piuttosto vero che il non credente è chi non parte mai, chi non s’azzarda nell’altrove assetato del credere. Ogni volta che è Pasqua, urto contro la doppia notizia delle scritture sacre, l’uscita d’Egitto e il patibolo romano della croce piantata sopra Gerusalemme. Sono due scatti verso l’i-gnoto. Il primo è un tuffo nel deserto per agguantare un’altra terra e una nuova libertà. Il secondo è il salto mortale oltre il corpo e la vita uccisa, verso la più inte-grale risurrezione. Pasqua è sbaraglio prescritto, unico azzardo sicuro perché affidato alla perfetta fede di giun-gere. Inciampo e resto fermo, il Sinai e il Golgota non sono scalabili da uno come me. Restano inaccessibili le alture della fede.
Allora sia Pasqua piena per voi che fabbricate passaggi dove ci sono muri e sbarramenti, per voi operatori di brecce, saltatori di ostacoli, corrieri ad ogni costo, atleti della parola pace.
Erri de Luca

 

In Ciclopi e Lestrigoni, no certo, 
nè nell’irato Nettuno incapperai 
se non li porti dentro 
se l’anima non te li mette contro)

Sempre devi avere in mente Itaca –
raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
sulla strada: che cos’altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

C. Kavafis, Itaca

 

*guarda il video di Luigi che spiega il suo articolo